89 min Disponibile dal 28/11/2018 fino al 27/11/2019

Questo film non è neutrale, ma è dalla parte dei diritti umani, quelli messi nero su bianco dalla comunità internazionale nella Dichiarazione Universale di Parigi 70 anni fa. E’ ad opera di Claus Keber, storico presentatore della TV pubblica tedesca ZDF, è ambientato in decine di paesi diversi sparsi nel mondo e tocca con mano, articolo per articolo, lo stato delle libertà e diritti fondamentali difesi da quella Dichiarazione. In diverse parti del mondo, ci sono eroi che difendono i diritti umani ad ogni costo: dalle coraggiose ostetriche del Kenya rurale ai dissidenti cinesi in esilio, dai leader della rivoluzione degli ombrelli ad Hong Kong alle popolazione Maya umiliate dalle multinazionali in Guatemala. Ci sono dittatori, che in nome del potere e dell’ordine sociale ignorano diritti quali la libertà di espressione, di stampa, di professione religiosa, il diritto di cura, all’asilo, e quelli dei bambini. E poi le minacce tecnologiche, che i regimi hanno in serbo: dal controllo totale tramite le tecniche di riconoscimento facciale in Cina alle intelligenze artificiali, che in Arabia Saudita possono paradossalmente ricevere il diritto di cittadinanza, come è stato per Sophia Hanson. Nel film intervengono, tra gli altri, Madeleine Albright, ex segretario di stato americano, Joachin Gauck, ex presidente tedesco e Kenneth Roth, direttore esecutivo di Human Rights Watch. Si conclude con un monito: “Tutti parlano delle urla dei despoti. Ma è più pericolosa l’indifferenza dei compiaciuti”.
Annunci

Piccole cose

Sono le piccole cose ad occupare nel cuore gli spazi più profondi.
Come tesori nascosti, i piccoli gesti, le parole delicate, i gesti d’amore autentici, sono quelli che ci porteremo dentro per sempre.
(Anton Vanligt)

Disponibile dal 05/12/2018 fino al 24/02/2019

Screenshot (3)

Schiavitù in Italia-La guerra del caporalato.

In cambio di pochi euro al giorno, il caporalato nelle campagne del Meridione sfrutta per la raccolta di pomodori, arance e olive centinaia di migliaia di lavoratori africani ed est-europei. Per porre fine a questa nuova forma di schiavitù Yvan Sagnet ha creato No Cap, un’associazione che lotta contro lo sfruttamento della manodopera sottopagata e ha creato il bollino etico per etichettare i prodotti liberi dal fenomeno del caporalato.

Porta a porta St 2018/19 Puntata del 04/12/2018

Screenshot (181).png

Porta a porta St 2018/19 Puntata del 04/12/2018

Ospite della puntata il vicepresidente del Consiglio e ministro del Lavoro Luigi Di Maio. L’Italia in uno scatto. Nell’Italia che sta cambiando il programma di Bruno Vespa offre la continuità di un’informazione puntuale e corretta sui grandi temi di attualità: dalla politica all’economia, dai grandi fatti di cronaca al costume in evoluzione. Reportage di forte impatto e interviste ai protagonisti del mondo dello spettacolo e della cultura arricchiscono l’offerta editoriale. Una missione confermata dalla capacità di essere presenti nei tempi reali sugli eventi e sulle emergenze che si affacciano quotidianamente sullo scenario italiano e mondiale.

Petrolio St 2018 Smoking Gun – 01/12/2018

Screenshot (179)Smoking Gun

Inceneritori sì o inceneritori no? Il dilemma e le polemiche sono divampate sulle prime pagine dei giornali per poi scomparire di nuovo come un fiume carsico. La “pistola fumante” della Terra dei Fuochi e degli inceneritori però è difficile da nascondere. I milioni di tonnellate di rifiuti che produciamo e bruciamo ogni anno non spariscono, sono solo trasformati. Come stanno le cose, quale è la realtà? Gli inceneritori sono o no indispensabili? Cosa dicono scienziati e oncologi? Come fanno gli altri paesi? Per capirlo Petrolio vola fino in Germania, ad Amburgo dove l’amministrazione è una coalizione di socialdemocratici e verdi. Petrolio raccoglie in “Smoking Gun” tutte le informazioni necessarie per farsi un’idea ragionata sull’argomento. Dalla Terra dei Fuochi e le mamme che combattono da decenni, al ministro dell’ambiente Sergio Costa, ricostruiamo la mappa dei roghi di rifiuti: il nuovissimo fenomeno che riguarda soprattutto il Nord Italia: 261 roghi negli ultimi 3 anni. Chi brucia i depositi di rifiuti industriali? Gli stessi imprenditori? Si può fare industria e essere eco-compatibili? Il caso positivo del “Distretto Conciario”, in passato una delle zone più inquinate del Paese.

Report St 2018/19 Pulp fashion – 03/12/2018



La grande moda vale mille miliardi di euro di fatturato e quando viene promosso un marchio, ne viene promossa anche la sostenibilità. In questa puntata di Report parliamo anche di franchising, che da sogno degli imprenditori si è trasformato in un incubo, e della capacità che ha un videogame di catturare e tenere incollato un utente allo schermo.

L’isola nel vento (Geo st 2018/19)

photostudio_1543874519635
L’isola nel vento.

L’Arcipelago delle Faroe, in mare aperto tra Islanda e Norvegia: uno dei luoghi più estremi d’Europa, sia per il clima, sia per l’isolamento in cui si trovano gli abitanti. Diciotto isole per poche migliaia di persone, abituate a vivere in condizioni climatiche avverse per gran parte dell’anno. Di Valter Torri

Kilimangiaro St 2017/18 Patagonia

Screenshot (175)

Patagonia-Kilimangiaro

Ci troviamo in Argentina, nell’estrema propaggine del continente sud-americano. La terra che Magellano nel 1520 chiamerà Patagonia

Arizona: quel muro che divide Stati Uniti e Messico

screenshot-173
Arizona: quel muro che divide Stati Uniti e Messico

A Douglas, alla frontiera tra Stati Uniti e Messico, il paesaggio è attraversato da una barriera d’acciaio alta 5 metri, sorvegliata dalla polizia di frontiera americana. “Quella frontiera è come una cicatrice”, è “uno sguardo diverso sul mondo, rispetto a quello che avevamo quando eravamo bambini”, commentano alcuni dei suoi abitanti. Il sindaco Robert UIribe, nato in Repubblica Dominicana 34 anni fa, sogna una riconciliazione con gli abitanti di Agua Prieta, appena al di là della barriera.

Harry & Meghan (Mediasetplay)

La storia d’amore da favola tra il principe Harry, secondogenito di Carlo d’Inghilterra e dell’indimenticata Lady Diana, e Meghan Markle viene ripercorsa dal momento in cui i due si sono conosciuti, presentati da comuni amici. Dopo la fase iniziale del corteggiamento in cui la relazione tra i due e’ stata volutamente tenuta al riparo dai media, tutto il mondo si e’ concentrato sulla vita di Meghan, attrice di successo, nonche’ donna indipendente, che gia’ aveva un divorzio alle spalle…

Europa e populismo: divorzio all’italiana Dibattito sull’anti-europeismo

Selena Gomez – Top Songs 2018 Playlist | Selena Gomez – Back To You

Canzoni Del Momento 2019 – Classifica Canzoni 2019 Più Ascoltate

BOHEMIAN RHAPSODY

Da qualche parte nelle suburb londinesi, Freddie Mercury è ancora Farrokh Bulsara e vive con i genitori in attesa che il suo destino diventi eccezionale. Perché Farrokh lo sa che è fatto per la gloria. Contrastato dal padre, che lo vorrebbe allineato alla tradizione e alle origini parsi, vive soprattutto per la musica che scrive nelle pause lavorative. Dopo aver convinto Brian May (chitarrista) e Roger Taylor (batterista) a ingaggiarlo con la sua verve e la sua capacità vocale, l’avventura comincia. Insieme a John Deacon (bassista) diventano i Queen e infilano la gloria malgrado (e per) le intemperanze e le erranze del loro leader: l’ultimo dio del rock and roll.

IL NUOVO-ANTICO MONDO CONTADINO ITALIANO


IL NUOVO-ANTICO MONDO CONTADINO ITALIANO.

mercoledì 21 marzo 2018 



Nelle campagne italiane esistono persone che hanno scelto di radicarsi sul territorio per coltivarlo in maniera autonoma, efficiente, rispettosa dell’ambiente. Chi sono? Come fanno reddito? Quali tecniche adottano? E perché il loro lavoro è necessario? Nell’autunno 2015 iniziano le riprese del documentario indipendente Con i piedi per terra, durante un viaggio per l’Italia intrapreso per intervistare i contadini protagonisti di una rivoluzione culturale ed economica. Compiuto con lo spirito della ricerca, è un’indagine realizzata riprendendo in presa diretta le attività quotidiane nei campi, nei boschi, nelle case e nei mercati. Con il ritmo sostenuto dell’avanscoperta, e valorizzato da musiche originali, il documentario racconta attraverso decine di storie personali come fare reddito in maniera sostenibile, onorando il senso di appartenenza al territorio e la cultura dei saperi millenari.

Il Borgo dei Borghi St 2018 Puntata del 17/11/2018

Per raccontare la straordinarietà e le ricchezze dei piccoli centri d’Italia…

Cambiamento climatico e migrazioni di massa Documentario

https://tinyurl.com/ydx7lwuk

Quante persone saranno costrette a emigrare da qui al 2100 per ragioni climatiche? Alcuni scienziati portano la stima a un miliardo, in un mondo che sarà abitato da 10 miliardi di individui.Per prevenire l’emigrazione climatica, bisogna innanzitutto limitare il cambiamento climatico, proteggendo i permafrost che si stanno disintegrando, riducendo le emissioni di anidride carbonica e prestando particolare attenzione alla fauna: in Siberia, il visionario del clima Nikita Zimov ha dimostrato che gli animali che popolano le regioni fredde sono in grado, calpestando la neve, di far scendere la temperatura dei permafrost. Questo documentario analizza i rischi e le ingiustizie del cambiamento climatico, dall’Artide all’Africa, passando per l’Indonesia, la cui capitale Jakarta sta ormai sprofondando in mare.

Petrolio St 2018 Too late – 17/11/2018

http://creativemedia3.rai.it/podcastcdn/raiuno/Petrolio/Petrolio_2016/Petrolio_2016_puntate_EP/9660791_1800.mp4

Dopo il sì del Senato al Decreto su Genova che prevede la ricostruzione del Ponte Morandi e indennizzi agli sfollati, Petrolio, il programma ideato e condotto da Duilio Giammaria, nella puntata dal titolo “Too late” ospita il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, per capire come il governo intenda affrontare le tante questioni irrisolte che riguardano le infrastrutture. L’inchiesta parte dal capoluogo ligure e dal dramma degli sfollati, per spostarsi nel torinese, dove ferve la polemica tra i favorevoli e i contrari alla linea ferroviaria veloce. Tappa dunque in Puglia, approdo del Trans Adriatic Pipeline, che porterà in Europa il gas proveniente dall’Azerbaigian dove le telecamere di Petrolio entrarono già nel 2015, documentando un Paese in crescita proprio grazie alla ricchezza energetica. Focus, poi, sul maltempo nella Val di Fiemme, dove il paesaggio è stato stravolto dalla potenza del vento e dalle piogge torrenziali, sul palermitano e sulla riviera ligure, sottoposti ad una vera e propria guerra meteorologica. Petrolio entra, infine, a Castel Juval, la casa museo di Reinhold Messner in Trentino-Alto Adige, per parlare insieme all’alpinista italiano dei grandi temi ambientali. Ospiti di “Petrolio”, oltre al Ministro Danilo Toninelli, il direttore Ripartizione foreste della provincia di Bolzano, Mario Broll, e il meteorologo Giantranco Meggiorin.

Il Flauto magico, regia di Romeo Castellucci Il capolavoro di Mozart alla Monnaie di Bruxelles.

https://tinyurl.com/yd6vv6kx

Romeo Castellucci è noto per la regia avanguardista di opere liriche, visivamente forti e ricche di simboli. Il drammaturgo e artista italiano firma alla Monnaie di Bruxelles una produzione del Flauto magico di Mozart con la direzione musicale di Antonello Manacorda, e Sabine Devieilhe nel ruolo della Regina della Notte.La bella Pamina, figlia della Regina della Notte, è stata rapita dal gran sacerdote Sarastro. Il principe Tamino, vedendo il ritratto della giovane se ne innamora perdutamente e decide di liberarla. Sarastro è il capo di una confraternita disposta ad accogliere Tamino nelle proprie fila, e a lasciarlo sposare Pamina, a condizione di riuscire a superare alcune prove. Nel corso dell’avventura, l’uccellatore Papageno che lo accompagna riuscirà ad incontrare Papagena, la propria anima gemella. È forse manipolazione quella di Sarastro che prodiga tante promesse ai giovani? Proprio lui che sfrutta una società basata sulla schiavitù, in totale contraddizione con l’ideale di uguaglianza da lui propugnato?

Il Flauto magico è un’opera lirica molto popolare. Questo Singspiel dall’intreccio fiabesco ad opera di Wolfgang Amadeus Mozart e del suo librettista Emanuel Schikaneder racchiude una complessa simbologia massonica. Le prove cui Sarastro sottopone l’eroe – il voto del silenzio, la fermezza di fronte al pericolo e l’iniziazione al sacro culto – elevano Tamino verso l’ideale umanista massonico. Noto per il simbolismo dei suoi messaggi, Romeo Castellucci esprime una critica sociale in una messa in scena dall’estetismo essenziale. 

Il Teatro della Monnaie ha affidato ad Antonello Manacorda la direzione musicale di questa produzione. L’Italiano vanta una collaborazione come violinista con Pierre Boulez, Daniel Harding e Christopher Hogwood, e ha diretto le orchestre del Teatro La Fenice, del Theater an der Wien, del Festival di Glyndebourne e dell’Opéra di Lione. Sabine Devieilhe, soprano leggero attualmente molto richiesta in Europa interpreta la Regina della Notte e il basso ungherese Gábor Bretz dà voce a Sarastro.

Dove vanno i rifiuti Cosa succede alle cose che buttiamo nei bidoni della raccolta differenziata, e soprattutto cosa succede se sbagliamo bidone

https://www.ilpost.it/2018/09/16/rifiuti-come-funziona-raccolta-differenziata/

L’Italia ai tempi del populismo Un pericolo per l’Europa?

Steve Bannon ha un obiettivo per le elezioni europee del 2019: far ottenere alla coalizione dei sovranisti un terzo dei seggi. Per questo mette a disposizione “social media war room, mezzi di comunicazione, tutti gli strumenti di cui avete bisogno” gratuitamente. La battaglia dello spin doctor che ha portato Trump al potere, fondatore del movimento anti-UE The Movement, comincia in Italia.

https://tinyurl.com/yao7lyo4

Balletto, hip hop e modernità Ballet jeunesse

https://tinyurl.com/ybuwke4c

Il produttore hip-hop Matthias Arfmann racconta il suo “Ballet jeunesse”, che da Amburgo tenta di reinventare il balletto grazie a una variegata miscela di stili musicali contemporanei. Il documentario segue musicisti e ballerini nel loro lavoro, che ha un solo e semplice obiettivo: rendere moderno il balletto, creare uno stile al passo coi tempi.